Master in Psicomotricità e Minorazioni Sensoriali Roma
Pubblicato da Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare

ROMA (RM)
dal 19/10/2018 al 08/02/2020
In aula
2500 ore
Borse di studio
Previsto stage
Previsto rilascio crediti

Il Master ha lo scopo di formare esperti nella Psicomotricità che abbiano competenze specifiche anche nell'utilizzo di forme di comunicazione dirette a persone udenti e/o non vedenti.

La Psicomotricità si presenta oggi come una scienza di vasta applicazione, sia in ambito educativo che clinico-riabilitativo. Chi opera in questo campo sa come esperienze positive legate al corpo, al movimento e ai sensi sono alla base di uno sviluppo armonico e sereno della persona.

La presa in carico di persone (bambini e adulti) con minorazioni sensoriali (non vedenti e non udenti) o con alterazioni sensoriali (iperattività, disturbo dello spettro autistico, bambini prematuri, paralisi cerebrali infantili) necessita di operatori esperti che sappiano comunicare con linguaggi specifici e attivare degli interventi psicomotori mirati ed efficaci.

Referente Pierluigi Bonici

Aggiungi ai preferiti

Professionisti - Aziende - Disoccupati - Studenti
Base - Intermedio - Avanzato

OBIETTIVI

  • formare un esperto in Psicomotricità con solide basi, teoriche e pratiche, in grado di prendere in carico la persona con difficoltà psicomotorie e sensoriali, padroneggiando diverse forme di comunicazione;
  • acquisire le competenze tecniche e strutturali della comunicazione visivo – gestuale e tattile;
  • gestire attività psicomotorie in setting individuale e di gruppo;
  • fornire spazi e spunti per la ricerca e l'approfondimento delle tematiche relative alla psicomotricità e all’intervento con persone con minorazioni e alterazioni sensoriali.

DETTAGLI AGGIUNTIVI

Durata del Master, frequenza, orari delle lezioni

Il Master ha una durata di 16 mesi. 2500 ore di formazione comprensive dell'intero carico didattico (lezioni in aula, moduli formativi a distanza con esercitazioni, lettura di tesi consigliati, elaborazione di progetti d’intervento e di percorsi rieducativi,  eventuale tirocinio, stesura e discussione dell’elaborato finale)

Le lezioni in aula si terranno una volta al mese in formula weekend:

sabato ore 10.00-17.00/18.00

domenica ore 10.00-13.00/14.00

Programma

Elementi di Neurologia e Scienze dello Sviluppo

  • Concetto di salute e benessere, presentazione del master
  • Anatomia funzionale e fisiologia
  • Elementi di neurologia
  • Chinesiologia
  • I disturbi del Neurosviluppo
  • Fisiopatologia del bambino
  • Elementi di neurofisiopatologia e fisiopatologia neuromuscolare
  • Geriatria
  • Fisiopatologia dell'adulto e dell’anziano

ESAME

Pedagogia generale, Pedagogia familiare e legislazione scolastica

  • Elementi di Psicologia generale e dello sviluppo
  • Nozioni di Pedagogia generale e familiare
  • Classificazioni diagnostiche, accesso al Sostegno e la Legge 104/92
  • Modello biopsicosociale (ICF)
  • Il PEI (Piano Educativo Individualizzato)
  • Il colloquio relazionale con la famiglia

ESAME

Minorazioni sensoriali e nuove lingue

  • Le Minorazioni Sensoriali
  • Fondamenti di Comunicazione Aumentativa Alternativa
  • La sordità
  • Anatomia e patologia dell’apparato uditivo
  • Introduzione alla cultura della comunità sorda (i rumori: “vedere anziché sentire”)
  • L.I.S. Lingua Italiana dei Segni  
  • Approccio e comprensione della L.I.S. in forma semplice
  • Dattilologia e ed espressioni facciali e labiali
  • Esercitazioni pratiche, simulazioni tra i corsisti, dialoghi assistiti
  • Giochi per la stimolazione visiva e manuale

ESAME

  • La cecità
  • Lo sviluppo psichico e motorio del bambino videoleso.
  • Suggerimenti e dimostrazioni di tecniche per avviare il bambino all’autonomia: camminare, orientarsi, i rumori, il tatto.
  • Cenni legislativi e l’inclusione del bambino nella scuola dell’obbligo
  • Le attività/gioco per privilegiare e consolidare le abilità senso percettive e psicomotorie.
  • Adulti videolesi
  • Il Codice Braille
  • Scrittura, lettura e calcolo attraverso il codice Braille, uso ed esercitazioni con la tavoletta. Uso del cubaritmo per il calcolo.

ESAME

  • Comunicazione, emozioni e comprensione
  • La sordo cecità
  • L.I.S. Tattile (Sistema di Comunicazione per Sordociechi)
  • Ripasso generale della L.I.S.
  • (Parte 1) Teoria:
  • Introduzione alla sordocecità
  • I sistemi di comunicazione usati dalle persone sordocieche
  • Comparazione lingua italiana , lingua dei segni italiana e L.i.s.tattile
  • Causa della minorazione
  • (Parte 2) Approccio, comprensione e produzione della L.I.S. in forma semplice:
  • Malossi, comunicazione oggettuale, pittografica e gestuale. Dattilologia adattata e compensazioni alle componenti non manuali
  • Accenni alla guida delle persone sordocieche Orientamento e mobilità
  • Etica e deontologia
  • Approccio, comprensione e produzione della L.I.S. Tattile in forma semplice

ESAME

Teoria e tecnica psicomotoria  

  • Elementi di psicomotricità
  • Tecniche psicomotorie
  • Osservazione e valutazione del profilo sensoriale del bambino
  • Strategie e Tecniche riabilitative in ambito psicomotorio in sedute individuali e in gruppo
  • Intervento psicomotorio nell’adulto e nell’anziano
  • Deontologia professionale
  • Bioenergetica

ESAME

Attestato Finale

Al termine del Percorso gli Studenti riceveranno un Attestato di Frequenza ed un Certificato di Competenze . Il Certificato ha validità per tutti gli usi consentiti dalla Legge, per esigenze concorsuali, curricolari, per aggiornamento, qualificazione e riqualificazione professionale.

SEDI DI SVOLGIMENTO

Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare
dal 19/10/2018 al 08/02/2020
via dei Papareschi, 11 ROMA (RM)
Mostra mappa

PREVISTO STAGE

Opportunità di Stage

Inserimento del CV nella banca dati di iAgorà, servizio in esclusiva solo per gli Studenti dell'Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare con le migliori offerte di Stage e Lavoro di 81 Paesi. 

Tirocinio

Il Tirocinio non è obbligatorio e può essere svolto dopo aver frequentato almeno il 50?lle lezioni per una durata minima di 25 ore fino ad un massimo di 250 ore.

Esperienze pregresse (o in corso) di lavoro, di volontariato, di servizio civile potranno essere eventualmente accreditate come attività di tirocinio.

La sede di svolgimento dovrà essere individuata autonomamente dallo studente e il Progetto di Tirocinio dovrà essere approvato dal CTS dell'Inpef, per la successiva stipula della relativa convenzione tra l'Inpef e la struttura ospitante.

A conclusione del percorso professionalizzante, lo studente redigerà una Relazione che potrà anche essere oggetto della Tesi finale da discutere al termine del master.

RECENSIONI

Nessuna recensione inserita

La tua opinione conta Fai la tua recensione


Nessuna recensione inserita

Richiedi informazioni

Richiedi informazioni